La saga di Rocky si arricchisce finalmente di un capitolo valido, attraverso una sorta di sequel/spin-off rappresentato da film “Creed”: un grande Sylvester Stallone coadiuvato da un superlativo Micheal B. Jordan, nei panni del figlio di Apollo.

In effetti, dopo il quarto film del 1985, Rocky 5 e Rocky Balboa lasciavano molto a desiderare; dalla trama all’interpretazione. Si trattava di prodotti cinematografici sterili, tesi unicamente a monetizzare sfruttando la scia del successo dei precedenti film.

Tuttavia, “Creed” è qualcosa di diverso: ripercorre il primo Rocky in chiave moderna, e Stallone questa volta sembra impersonare alla perfezione i panni di allenatore/manager alla Mickey. In lingua originale sarà possibile apprezzare anche la modulazione di voce rallentata, da parte di Stallone, tipica dei vecchi pugili.

C’è da scommettere che nel breve termine sarà in produzione un sequel intitolato Creed 2. Non a caso il finale del film lascia presagire una continuazione in tal senso. Ovviamente il primo film di Rocky erano unici ma possiamo affermare che Creed ne raccoglie abbastanza degnamente l’eredità con un prodotto molto gradevole.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO