Si chiude il cerchio delle indagini sulla morte della sedicenne messinese, Ilaria Boemi: arrestati due uomini. Uno di questi sarebbe il trentunenne che avrebbe venduto la dose di MDMA, quest’ultima avrebbe successivamente cagionato la morte di Ilaria, per arresto cardiocircolatorio nei pressi del lungomare Ringo.

L’altro arresto, in seno all’indagine, riguarderebbe un quarantenne “reo” di aver approfittato sessualmente della giovane, approfittando dello stato di confusione mentale, provocato dalla suddetta sostanza stupefacente.

Le indagini, curate dalla Squadra Mobile di Messina, hanno delineato ulteriori particolari della vergognosa vicenda, ricostruendo i tasselli delle responsabilità dei 2 individui. Questa mattina è, infatti, scattata l’ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal Gip presso il Tribunale di Messina, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica che ha coordinato le attività d’indagine.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO