Posto Occupato: questo il nome dell’iniziativa nata a tutela delle donne che subiscono violenza, ricordandole attraverso quei casi estremi nei quali, per mano assassina, purtroppo non sono più tra noi. Questa mattina a Messina si è svolto un importante dibattito su questo tema.

Nel Salone delle Bandiere del Comune dopo le 10.30, nell`ambito dell`evento “#Ungiornoinpiu'”, si è discusso sul tema:”I minori e le loro tutele”. Diversi gli ospiti che hanno preso parte all`evento, intervenuti dopo i saluti iniziali degli assessori comunali ai Servizi sociali Nina Santisi e alle Pari opportunità Patrizia Panarello.

Hanno intrattenuto il pubblico presente l`Avvocato Alessio Fasulo responsabile del progetto “Frontiera Sud” “Save the Children”, che è intervenuto sul tema: “Minori stranieri non accompagnati, tutela e iter procedurale”, il dottor Giacomo D`Arrigo, direttore dell`Agenzia nazionale Giovani, che ha relazionato sul ruolo di questo Ente nelle politiche di inclusione per le nuove generazioni, è stato poi il turno della dottoressa Clelia Marano assistente sociale, soffermatasi su “il sistema di accoglienza, lo stato dei minori migranti, l`Avvocato Antonio Centorrino presidente di” Ass.Pe 93 Camera minorile”, ha incentrato il suo intervento sulla “Tutela legale eetematiche giudiziarie minorili”, i lavori sono stati conclusi dalla dottoressa Cettina Restuccia assistente sociale dell`associazione Penelope, che ha affrontato l`argomento “Minori stranieri vittime di tratta”.

A Messina “Posto Occupato”, è rappresentato dall`Avvocato Antonella Russo, che ha moderato i lavori che hanno dato luogo all`interessante dibattito odierno.

1 COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO