Finalmente la videosorveglianza, sugli edifici pubblici peloritani, si rende utile per incastrare l’ennesimo nullafacente intento a imbrattare il palazzo dell’ex Provincia di Messina. Una penosa “moda” quella di deturpare il patrimonio cittadino, sicuramente agevolata dall’assenza di misure disciplinari a carico del vandalo di turno non identificato; questa volta però le telecamere hanno inquadrato il responsabile.

Palazzo dei Leoni, attivate le procedure per l’identificazione dell’autore delle scritte vandaliche. L’azione teppistica realizzata mercoledì notte é stata ripresa dalle videocamere di sorveglianza dell’Ente. Saranno prontamente rimosse dal personale della Città Metropolitana di Messina le scritte vandaliche sui prospetti di Palazzo dei Leoni che si affacciano su via S. Agostino, realizzate nella tarda serata di mercoledì 23 marzo.

L’azione è stata ripresa dalle videocamere di sorveglianza, attive 24 ore su 24, e dalla visione si evidenzia chiaramente l’opera di un giovane che, munito di bomboletta spray di colore rosso, realizza alcune scritte sulle pareti della sede istituzionale dell’ex Provincia regionale.

Si tratta dell’ennesimo deturpamento che colpisce un bene pubblico, una consuetudine diffusa ed espressione di scarsa sensibilità civica che, esattamente due giorni fa, aveva indotto il Commissario straordinario, dott. Filippo Romano, ad emanare un atto d’indirizzo finalizzato all’eliminazione dei graffiti presenti sulle facciate del Palazzo degli Uffici e del Liceo Ginnasio “Maurolico” ed all’attivazione di turni di vigilanza notturna durante il fine settimana, periodo in cui si rileva il maggior numero di atti incivili.

L’Ente provvederà ad avviare tutte le procedure consentite dalla legge per la tutela dei propri beni con la conseguente segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza dei particolari dell’accaduto.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO