Finiscono nel registro degli indagati, dell’inchiesta “furbetti del camice”, altri dodici dipendenti dell’ospedale Papardo di Messina. Il dossier evidenzia come, anche questi “signori”, risultassero in malattia nonostante fossero in efficienti condizioni di salute.

Il Manager dell’Ospedale, Michele Vullo, avrebbe completato l’analisi su tutto l’anno 2015. Quest’ultimo evidenzierebbe che, in questa occasione oltre agli infermieri, ci siano anche medici del Papardo coinvolti.

Gli indagati, nel contesto aziendale, rischiano ripercussioni lavorative che vanno dalla sospensione al licenziamento. Le indagini interne all’azienda si svolgono in parallelo a quelle dei Nas e della procura interessata.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO