Il Comune di Messina, in collaborazione con l’Università di Verona e la graduate School of Education dell’Università di Berkeley negli Stati Uniti, partecipa al programma di ricerca comparativa sulla genitorialità omosessuale dal titolo “Family Lives”. Tale ricerca ha il fine di comprendere il processo di costruzione dell’identità genitoriale gay e lesbica con particolare attenzione per l’interazione tra l’esperienza soggettiva ed i modelli culturali dominanti che definiscono i confini della genitorialità.

Obbiettivo: elaborare degli strumenti che permettano di migliorare le competenze sulla pluralità delle esperienze familiari di professionisti e professioniste che lavorano con genitori e bambini/e, in particolare nel campo della salute e dell’educazione. Per tale ragione è stato diffuso un questionario da compilare in forma assolutamente anonima tra le associazioni LGBT del territorio da sottoporre a persone gay e lesbiche con figli (sia avuti all’interno della coppia o da precedenti relazioni eterosessuali) o che svolgono un ruolo genitoriale (per esempio co-genitorialità o affido) che vogliano dedicare un po’ del loro tempo partecipando al progetto.

Gli interessati al progetto possono contattare l’Associazione LGBT Arcigay all’indirizzo: presidentearcigaymessina@virgilio.it, recapito telefonico 340-5255960 oppure la segreteria dell’assessorato alle Pari Opportunità (090 – 60 10252). “Sì precisa – sottolinea l’assessore alle Pari Opportunità, Patrizia Panarello – che i dati raccolti saranno utilizzati con cura e responsabilità dai soggetti proponenti nell’ottica del rispetto e della valorizzazione delle pari opportunità”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO