Sono trascorsi solo due giorni dall`ultimo sbarco di migranti in città,  Messina si è fatta trovare pronta ad accogliere com`è opportuno in questi casi, coloro che hanno avuto necessità di aiuto. Questa mattina, alle ore 8, al “Molo Marconi” sono giunti 351 migranti, come da avviso all`Ufficio di gabinetto del sindaco Renato Accorinti, da parte della Prefettura, nel pomeriggio di ieri. Si è trattato oggi, di un arrivo di cittadini nella maggior parte dei casi, provenienti dall`Africa subsahariana.

Immediatamente, sono scattate le procedure di identificazione a cura dell`Ufficio immigrazione della Questura di Messina e di assistenza ed accoglienza di competenza delle Associazioni, ovvero la “Croce Rossa” e l’USMAFF seguiti dal personale dell’Azenda Sanitaria Provinciale 5. Si è provveduto ad effettuare le visite ed i previsti controlli sanitari, al termine dei quali i pullman presenti sulla banchina, hanno potuto compiere le operazioni di trasferta dei nuovi arrivati alle loro destinazioni future, dopo il completamento delle operazioni di rito volte a stabilire l`identità di chi è sbarcato.

Anche il Comune di Messina ha operato durante l’arrivo degli stranieri, presenti infatti nella circostanza, sia l’assessora ai Servizi Sociali, dottoressa Nina Santisi, che una delle assistenti del Dipartimento esistente a Palazzo Satellite. Già dalla scorsa volta, sembra essere cambiata la provenienza di coloro che hanno bisogno di aiuto, in passato si assisteva all’arrivo di profughi siriani e palestinesi, oggi, come già detto l’Africa sembrerebbe essere nuovamente interessata da fenomeni di migrazione. L’imbarcazione che ha prestato il primo soccorso in mare ai profughi, giunta al Porto della nostra città, è stata un guarda coste maltese.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO