Aprile non è solo il 2 con la “Giornata mondiale sulla consapevolezza autistica”, bensì tutto il mese viene distinto dalla dignita’ che si deve al tema ed ai soggetti portatori della patologia. Nella mattinata di ieri, presso l’auditorium del “Monastero dei Benedettini a Catania, si è svolto il Convegno dal titolo: “Progetti di vita per persone con Autismo”, organizzato dall’Associaione “Autismoltre”. La cornice suggestiva dell’antico Monastero, sede dell’Università Etnea, è stata il luogo giusto per poter dibattere sull’argomento, con molti studenti che hanno preso parte ai lavori della mattina conclusisi alle 13.

Il presidente di “Autismoltre”, il dottor Giuseppe Bellomo, ha aperto i lavori, ringraziando i presenti e gli studenti, successivamente vi sono state le relazioni del dottor Lucio Moderato, direttore dell’Istituto “Sacra Famiglia” di Milano e psicologo, del dottor Enzo Stroscio, rappresentante IV-V circoscrizione del distretto Lions 108 YB, il dottor Salvo Cacciola, presidente regionale delle “Fattorie Sociali”, il dottor Giuseppe Giammanco, direttore dell’Asp 3 e la Senatrice Venera Padua, medico e componente della Commissione Sanità del Senato. Coordinatrice degli interventi dei relatori la dottoressa Sara Rinaudo, giornalista de “La Sicilia” e di “Rei Tv”, in apertura il dottor Moderato, nel proprio discorso incentrato su: “Progetti di abilitazione per la vita indipendente”, ha specificato come sia necessaria una cultura della prossimità, non più assistenzialismo fine a se stesso e non mirato, ma interventi qualificati verso chi è portare di Autismo.

Il dottor Enzo Stroscio, ha illustrato i problemi legati alle sintomatologie e sui possibili interventi, il direttore dell’Asp 3 su: “Risorse e iniziative dell’Azienda sanitaria”, ha evidenziato il primato per l’autismo a Catania con gli interventi portati avanti e previsti da una adeguata progettualità, come la recente apertura di uno spazio dedicato, in modo da aiutare e sostenere le famiglie in un percorso condiviso di presa in carico, il responsabile delle “Fattorie Sociali”, dottor Salvo Cacciola, è stato esauriente: “Percorsi di autonomia e inclusione socio – lavorativa per giovani e adulti”, l’argomento da lui trattato, mostrando un video esplicativo degli interventi attuati a Misterbianco in un luogo che tende alla integrazione socio lavorativa, per dimostrare come costruire un rapporto terapeutico, possibile grazie alla condivisione di attivita’ manuali e didattiche, con l’ausilio della Pet terapy.

E’ importante che chi abbia tale patologia, possa condividere esperienze legate all’agricoltura, si tratta di un aiuto concreto e reale per caratterizzare la vita dei bambini, con aspetti di autonomia e dignità, questo il senso che anima le “Fattorie Sociali”. In conclusione la senatrice Venera Padua nel previsto spazio, dedicato a: “Progetti legislativi del Parlamento sui Disturbi dello spettro autistico e sul Dopo di noi”, ha informato i presenti sui passaggi inerenti l’iter della Legge che norma gli interventi da attuare quando i genitori non potranno più prendersi cura dei figli, l’approvazione del testo è vicina, gode dell’appoggio di tutti gli schieramenti politici.

Ieri la città alle pendici dell’Etna, è stata con questo evento, teatro di una bella ed esaltante esperienza mettendo la Sicilia al centro e tra le prime realtà dove si cerca di far funzionare correttamente la rete fra pubblico, privato e famiglie, uniti per dare risposte alle molteplici problematiche inerenti l’Autismo, oltrepassando le criticità esistenti.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO