Intorno alle 15, è tornato a riunirsi il Consiglio comunale, facendo seguito alla convocazione della presidente Emilia Barrile. Fra i banchi della Giùnta, a rappresentare l’amministrazione l’assessora Nina Santisi, coadiuvata dalla collega Daniela Ursino.

In discussione, le attuali modalità di funzionamento dell’Ufficio matrimoni. In questo momento, chi vuole sposarsi civilmente al Comune, deve far fronte al pagamento di 500,00€, mentre per farlo alla ex Chiesa Santa Maria Alemanna il sabato e la domenica sono necessari 750,00€.

Sull’argomento, sono intervenuti i consiglieri Trischitta e Gioveni, per una interrogazione presentata da quest’ultimo. Libero Gioveni inoltre, ha sottolineato come sia una responsabilità politica dell’Amministrazione la mancata attivazione dei Cantieri di servizio.

L’assessore ai Servizi sociali Nina Santisi, ha specificato, che l’iter ad essi relativo, si è arenato per il finanziamento negato alla Regione, da parte del Ministero competente. Ha continuato, la dottoressa Santisi, che sarebbe stata auspicabile una mobilitazione a più livelli, non solo del sindaco per far sentire la propria voce sul tema, ma anche di quelle forze politiche rappresentate a Palermo.

Nuovamente  è intervenuto il consigliere Trichitta, per dire che a causa delle inadempienze della Giunta Accorinti,  800 persone non potranno lavorare seguendo questa particolare procedura di inserimento al lavoro, mentre l’Amministrazione Buzzanca riuscì ad avviare tutte le fasi quando fu una sua prerogativa farlo.

La consigliera Donatella Sindoni, ritiene fallimentare il funzionamento del Dipartimento Politiche sociali, se è vero che in questa struttura sono presenti funzionari che non hanno lavorato in modo adeguato, proprio in riferimento ai lavori agevolati per i disoccupati, argomento sul quale la preposta Commissione da lei presieduta, non ha mai addossato responsabilità all’assessora al ramo.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO