Nel corso di una operazione di polizia, gli agenti delle Volanti hanno proceduto all’arresto di due cittadini extracomunitari una nigeriana, Yarey Joan Omosefe di 36 anni, ed un 31enne ghanese, Gyamfi Osasere. L’ipotesi di reato, che si è potuta contestare nell’immediato, dunque in flagranza, consiste nella detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Successivamente ad una segnalazione telematica giunta in Sala Operativa, i poliziotti si recavano in una struttura ricettiva della città. L’informazione riguardava,  la notifica del decreto di espulsione emesso dal Questore di Vicenza a carico di una cittadina nigeriana.

La donna è stata rintracciata sul posto, insieme al compagno ghanese. I due sono stati invitati quindi, a raggiungere gli uffici di Polizia, nei quali dovevano essere eseguiti più approfonditi accertamenti. L’extracomunitaria con un agire sospetto, prima di uscire si recava in bagno dove l’eccessivo rumore cui dava luogo, faceva insospettire i poliziotti, attirandone l’attenzione.

Le circostanze, hanno fatto capire al personale delle Forze dell’ordine, la necessità di dover compiere una immediata perquisizione della camera occupata dagli stranieri. L’azione eseguita, ha permesso il rinvenimento nel water, di un involucro di plastica contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina.

Il peso complessivo della droga, corrispondeva a 62 grammi, da poco nascosta dalla donna. Nella stanza sono stati trovati e posti sotto sequestro, 3.200,00 €, 5 telefoni cellulari, un tablet, un laptop ed una agenda. Date le prime evidenze dei fatti, i due sono stati pertanto arrestati in attesa della celebrazione della prevista udienza con il rito direttissimo.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO