Lo storico Partito Comunista Italiano è in fase di restaurazione: in questo contesto, anche a Messina si svolgerà, oggi pomeriggio, un’assemblea territoriale costituente. Il congresso fondativo nazionale per la rinascita del “Partito dei lavoratori” si terrà, invece, a Roma a fine giugno.

Dopo 25 anni di divisioni e diatribe i comunisti, intenzionati a proseguire sulla via di quello che è stato il più grande partito comunista d’occidente e punto di riferimento di tanti uomini e donne impegnati nella difesa dei ceti deboli e delle rivendicazioni dei diritti sociali ed economici, ritrovano l’unità sotto lo stesso nome, lo stesso simbolo.

Come sta avvenendo in tutta Italia, in preparazione del congresso fondativo che avrà luogo a Roma nei giorni 24, 25 e 26 giugno, anche a Messina si terrà, sabato 28 maggio 2016 alle ore 16.30 (nei locali della Federazione provinciale del PCdi siti in via Jaci, 9 – Messina), l’assemblea territoriale Costituente il Partito Comunista Italiano.

L’assemblea, che ha ricevuto le adesioni dell’intero PCdI, di molti compagni ex Prc e di numerosi “indipendenti senza tessera”, si pone l’obiettivo di dare vita ad una “casa comune” per i tanti compagni, uomini e donne di ogni generazione che credono nei valori per anni patrimonio del PCI; a quelli che hanno vissuto quella esperienza partitica ma ancor più ai giovani che non l’hanno mai provata.

I lavori si apriranno con la relazione introduttiva di Francesco Napoli, segretario provinciale PCdI, e termineranno con le conclusioni di Antonio Bertuccelli, segretario regionale PCdI e componente il coordinamento nazionale Associazione per la Ricostruzione del Partito Comunista.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO