Nell’aula consiliare del Comune di Messina, questa mattina è tornata a riunirsi secondo il previsto calendario, la Commissione Politiche sociali. La sessione, è stata presieduta, dalla vice presidente Ivana Risitano, in sostituzione della presidente Donatella Sindoni, in questi giorni convalescente per un infortunio.

Durante il dibattito, si è affrontato il tema riguardante l’utilizzo di una struttura sita a Campo Italia, che potrebbe essere utile per soddisfare alcune esigenze ai fini sociali, cui Palazzo Zanca potrebbe rispondere adottando questa soluzione.

Tutto, attraverso un accordo con l’Azienda sanitaria provinciale, proprietaria dell’immobile. Una ulteriore tematica della quale si è discusso, ha riguardato i paventati tagli ai Servizi sociali, che l’Amministrazione pare voglia attuare nell’annualita’ in corso.

A tal proposito, il consigliere Giuseppe Trischitta capo gruppo di Forza Italia ha ricordato l’impegno assunto dall’assessore Nina Santisi, che in occasione di una seduta, di Commissione o di Consiglio avrebbe dichiarato di essere pronta a dimettersi qualora vi fossero state decurtazioni per le Politiche sociali.

Trischitta, ha rimarcato poi che l’assessore Eller fa parte della Giunta Accorinti per un preciso accordo con Renzi, che attraverso il Centro Studi Csel pone i propri referenti nelle varie amministrazioni locali.

Discorso analogo secondo il consigliere, va fatto per l’assessora Daniela Ursino, voluta da Crocetta, che avrebbe promesso finanziamenti non ancora arrivati. L’esponente di Forza Italia, ha infine chiesto al ragioniere generale dell’Ente, il dottor Antonio Cama di poter avere contezza sulle spese per i Servizi sociali, sostenute negli anni: 94-95-96-97 e 98 (periodo della sindacatura Providenti).

Uguale richiesta, è stata fatta dal consigliere dell’UDC, Franco Mondello, per gli anni: 2013-2014 e 2015. Il ragioniere Cama, ha concluso specificando che ci sarà una proroga di un mese per gli appalti del settore delle Politiche sociali, i cui servizi andranno a scadere domani, 30 giugno.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO