Intensa attività dell’Arma, nel fine settimana. I Carabinieri della compagnia di Taormina, con una delle varie operazioni attuate di volta in volta, hanno inferto l’ennesimo colpo al sistema di smercio di sostanze stupefacenti nella nota cittadina turistica.

Gli appartenenti al Nucleo operativo, hanno arrestato Valentino Marco, di 30 anni e Nicotra Valentina di 27, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I movimenti degli arrestati, sono stati monitorati a lungo, ciò per verificare,lil possibile coinvolgimento dei due nel traffico di droga a Taormina.

Quasi tutte le prove raccolte, concorrevano a formare i necessari indizi per concludere positivamente l’attività, mancava solo un riscontro per far combaciare tutto, ma è arrivato lo scorso week end.

I militari della stazione del centro jonico, agendo in borghese, stavano svolgendo un servizio senza dare nell’occhio, dunque con fare circospetto, operavano un servizio di prevenzione e repressione dei reati, quando hanno notato la coppia che transitava in una via centrale della perla dello Jonio, a bordo di uno scooter.

Immediatamente, le Forze dell’ordine, hanno fatto scattare un posto di blocco, imponendo l’alt al mezzo a due ruote. Il fermo, non è stato dei piu semplici, infatti è stato seguito da attimi di concitazione, l’uomo che stava guidando la moto, quasi sicuramente, ha ceduto qualcosa alla donna che lo accompagnava, la quale ha tentato una breve fuga a piedi, ma invano, in quanto è stata raggiunta prontamente.

La donna, prima di essere bloccata, ha avuto il tempo di disfarsi di un piccolo involucro contente 10 grammi di cocaina, lanciato a terra, quasi nell’immediatezza dei fatti. Con molta probabilità, la droga era destinata al mercato locale.

I fermati, sono stati condotti in caserma per gli ulteriori accertamenti di rito. Nella giornata di sabato, dopo essere stati portati innanzi al giudice del competente distretto giudiziario, si sono visti convalidare gli arresti cui erano già sottoposti.

Per il Valentino si sono aperte le porte del carcere di Messina Gazzi, mentre per la complice sono stati disposti gli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del processo. L’attività dei Carabinieri della compagnia di Taormina, si inserisce in un quadro di azioni volte alla prevenzione e repressione dei reati.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO