Anche “Noi con Salvini Messina”, interviene nel dibattito esistente sul futuro dell’Ospedale Piemonte, lo fa con una nota a firma della responsabile provinciale del Movimento, la dottoressa Luciana Verdiglione. La coordinatrice, scrive: “la questione del Piemonte è come la tela di Penelope…ogni personaggio politico da il filo per tesserne le ragioni della salvezza, doverosa per la città ed i pazienti, però d’incanto arriva la ragione occulta,travestita da diritto, ovvero spazzare via la speranza. Puntualmente, arrivano provvedimenti del direttore generale dell’Azienda Papardo Piemonte, volti a chiudere il Pronto soccorso, secondo sue intenzioni, per fortuna sino ad ora sventate”.

Continua, la Verdiglione: “mi auguro di cuore che si possa raggiungere ad un compromesso, fatto non certo di mutilazione dei reparti e uomini…ma efficiente come si conviene ad un plesso ospedaliero storico e di prestigio quale è da considerarsi il nosocomio del centro cittadino. Ove avendone avuto necessita come essere umano, ho potuto riscontrare professionalità, rispetto e comprensione dell’ammalato…, qualità oggi carenti nei nostri ospedali. Chiedo ai nostri amministratori e chi ha la chiave di volta per risolvere il problema, di salvare la struttura ospedaliera e ciò che essa rappresenta, in modo particolare al sindaco Renato Accorinti che è la massima autorità sanitaria cittadina.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO