Da domani fino al 31 Agosto, riaprirà la Cittadella di viale della Libertà, dove in passato visse l’Ente Fiera. Se non sarà proprio l’appuntamento classico, come quello cui i messinesi erano abituati recandosi a vivere quegli spazi in tempi che furono, almeno bisogna lodare, chi ha voluto scommettere su questa iniziativa, per non lasciare morire ulteriormente una zona tanto pregiata con cui i cittadini hanno un forte legame. L’Autorità portuale, ha affidato tramite una concessione temporanea, le aree esterne del quartiere fieristico alla People on the move di Claudio Prestopino, una società che per tutto il prossimo mese proporrà le proprie iniziative.

Il bando, al quale ha partecipato Prestopino con la sua compagine societaria, è stato approntato in brevissimo tempo dall’Autorità portuale. I criteri di selezione, cui la Commissione mista composta dal Comune e dalla stessa Autorità si sono ispirati, hanno avuto una impronta non di tipo economico, bensì con uno sguardo alla qualità. Certamente, un peso determinante è stato legato al fatto che a supportare la People on the move, saranno la Confcommercio e la Confesercenti. Verranno allestiti 165 gazebo, oltre lo spazio dedicato agli eventi ludici per i bambini con il Lunapark. All’Irrera a Mare, invece una tendostruttura ed un palco, sono stati pensati per accogliere le band cittadine e del comprensorio circostante, che si cimenteranno in una gara.

Nell’ambito delle manifestazioni previste, lo spazio dedicato alla cultura non poteva mancare, l’onere in questo caso spetterà a Roberto Bonaventura e Stefano Bargallo, che con l’Associazione “Il Castello di Sancho Panza”, daranno vita a spettacoli teatrali. Un momento importante per tutti, diverrà l’ingresso negli spazi della ex Campionaria d’agosto, proprio sotto il grande portale. Nell’offerta presentata per poter concorrere al bando, è prevista la realizzazione di due iniziative: “Io e la Vara” e “Messina-Città giardino”. La città peloritana, negli anni 60, era ricca di verde, fiorita, si creerà un ambiente simile a quello di quei tempi, quando le aiuole erano piccoli capolavori.

Un plauso per consentire l’apertura agostana, senza far perdere una importante tradizione per i messinesi, va fatto al presidente dell’Autorità Portuale Antonino De Simone, così come anche all’assessora comunale alla Cultura Daniela Ursino, che sin dall’inizio del suo mandato si è adoperata in una intesa attività per poter conseguire questo primo obiettivo.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO