Dal movimento politico Reset, il cui massimo rappresentante è l’architetto Alessandro Tinaglia, in merito al paventato dissesto economico del Comune di Messina, si afferma: “se non esiste un progetto di città, ma la solita ed identica decennale attitudine ad improvvisare e ad inseguire le emergenza, è ovvio che Messina sia quella che vediamo e subiamo giornalmente. Dopo tre anni di errori ed orrori in tutti i campi fa davvero sorridere che l’assessore Eller (che ci sta anche simpatico) invece di ammettere l’inadeguatezza di questa esperienza amministrativa, che sfugge solo alla Giunta evidentemente, chiede ai Messinesi altri sacrifici. Eppure, mentre cerca di smarcarsi dalla sua stessa Giunta provando a passare da salvatore della patria pronto ad usare il pungo di ferro, ricordiamo allo smemorato Luca Vainicher ed a chi non lo ricordasse che già da gennaio 2016 fa da tutore e garante dei conti di questa amministrazione, prima da consulente e poi da assessore. Senza contare i peli nell’uovo”.

“Forse l’assessore non ha chiaro che i messinesi pagano tariffe altissime, certamente le più care in Sicilia, a fronte di servizi che non vengono erogati (tra tutti la tari per una città ancora in emergenza rifiuti). Visto che Eller parla del sacrificio di tutti, noi una proposta indolore ed i primi 50 mila euro li avremmo trovati. Pensavamo infatti, di partire dalla verifica della legittimità del suo stipendio che non gli andrebbe riconosciuto qualora le informazioni riguardanti il suo pensionamento fossero esatte. L’idea poi di spalmare il debito in 30 anni, è davvero irresponsabile oltre che contraddittoria soprattutto se enunciata da un Sindaco che in campagna elettorale parlava di dissesto di fatto”.

In conclusione, specificano dal sodalizio politico: “non vorremmo che le finte polemiche agostane si spiegassero meglio scorgendo i nomi di alcuni creditori che verrebbero ristorati dal piano di riequilibrio nell’ennesima versione. Citeremmo anche Andreotti ma ormai non possiamo sorprenderci di quanto accade, semmai ci sorprenderebbe una sterzata di dignità ed un minimo di coerenza con gli annunci, puntualmente disattesi, che da tre anni siamo costretti ad ascoltare”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO