Nel corso della mattinata di ieri, gli agenti della Squadra Volanti della Questura di Messina, hanno rinvenuto in contrada Timpazzi, 23 chili e 232 grammi di sostanza stupefacente pronta ad essere immessa sul mercato della droga, più nello specifico, si è constatato come si trattasse di un ingente quantitativo di marijuana.

E’ stato un poliziotto libero dal servizio, a dare l’allarme, ai colleghi. Correva in spiaggia e ha notato uno dei panetti fuoriuscire dalla sabbia, ad appena una decina di metri dal bagnasciuga. Intuita la probabile natura di quanto trovato, ha subito allertato la Centrale operativa, chiedendo i necessari rinforzi, che giunti sul luogo del ritrovamento hanno dato il via alle ricerche. Sono stati tirati fuori dalla sabbia ventidue panetti, tutti ben sigillati con nastro adesivo, alcuni sfusi, altri inseriti all’interno di imballaggi più grandi.

I successivi accertamenti del locale Gabinetto di Polizia Scientifica, hanno confermato che si trattava di canapa indiana, marijuana. La sostanza stupefacente, è stata sottoposta a sequestro. Sono in corso indagini, per stabilire la provenienza ed eventualmente poter risalire ai detentori della polvere bianca.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO