Questa mattina dopo le ore 10.30 circa, nella Sala Vincenzo Palumbo ubicata al primo piano del Palacultura di Messina, si e’ tenuto il Seminario dedicato alla odierna “Giornata Internazionale contro la tratta di donne e minori.

L’evento e’ stato pensato ed organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune, rappresentato nella circostanza dalla dottoressa Nina Santisi, che detiene la relativa delega, in seno alla giunta Accorinti.

A relazionare ai presenti, sulle attivita’ di contrasto a questo triste fenomeno, attenzionato nella giornata di oggi e’ stata l’avvocato Gilda Violato, componente dell’Organizzazione Intergovernativa per le Migrazioni.

L’OIM, fondata nel 1951, e’ la principale Organizzazione Intergovernativa in ambito migratorio, costituita da:

-165 Stati Membri.
– oltre 460 uffici nel mondo
– Personale operativo di oltre 6.690 unità e oltre 2.000 progetti attivi.

L’Ente di solidarieta’ opera nei Porti, che sono principali punti di destinazione dei flussi migratori, specialmente in Calabria, Sicilia e Puglia. La referente legale, con una notevole esperienza nel campo, ovvero Gilda Violato si e’ soffermata soprattutto nella parte iniziale del proprio intervento, sui cittadini migranti che danno origine alle correnti migratorie.

In modo particolare, la Violato ha affermato: “la stragrande maggioranza di donne che finiscono nella rete illegale della tratta, sono di nazionalita’ nigeriana. Negli anni, questa corrente di persone, vittime e’ andata crescendo notevolmente”.

500 nel 2013, 1.500 nel 2014, 5.633 nel 2015 e 6.334 dall’1 gennaio al 30 agosto 2016 le ragazze nigeriane sbarcate nei nostti scali marittimi.

L’assessore Santisi ad inizio lavori ha tenuto a ringraziare gli intervenuti, facenti parte del Centro Affidi del Comune, della rete associativa cittadina che opera in questo delicato settore, rappresentanti di famiglie affidatarie di minori stranieri ed assistenti sociali.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO