Nei giorni scorsi, l’onorevole Angelo Attaguile, segretario nazionale e coordinatore in Sicilia di Noi con Salvini, accompagnato dalla consigliera comunale Maria Gravagna e dalla referente locale del Movimento, Francesca Valenti, ha incontrato il sindaco di Calatabiano (Ct) per affrontare la problematica dello smottamento del versante di contrada Piano Piraino, sita nel comune etneo. L’iniziativa, nasce dal fatto che persiste ancora un grave pericolo, connesso alla presenza della frana verificatasi quasi un anno fa, che come si ricorderà lasciò la città di Messina senza acqua addirittura per un mese. Vi è poi da considerare, il rischio per l’incolumità pubblica dei calatabianesi.

Potrebbero accadere ancora, improvvise interruzioni nella fornitura idrica per il comune peloritano, in caso di forti fenomeni temporaleschi propri della stagione in corso. Al tavolo tecnico hanno preso parte anche il vice sindaco di Calatabiano, Antonino Moschella, gli assessori comunali, Mario Di Bella e Vincenzo Ponturo, accompagnati da Luciana Verdiglione quale componente del Comitato di Coordinamento Provinciale di Noi con Salvini Messina.

Attaguile, ha detto a margine della seduta congiunta: “a Calatabiano, lo smottamento del versante di contrada Piano Piraino e la compromissione idraulica dei torrenti costituiscono una situazione ad alto rischio sia per la sicurezza delle infrastrutture viarie, che per la pubblica e privata incolumità, così come per le ripercussioni sull’acquedotto che rifornisce la città di Messina. Ho incontrato il sindaco di Calatabiano, per informarmi compiutamente dei fatti, presenterò un’interpellanza parlamentare urgente per informare la Camera dei Deputati sulla gravità delle circostanze ed i possibili conseguenti disastri ambientali”.

Per la coordinatrice messinese del sodalizio politico, Luciana Verdiglione, invece occorre: “che anche il primo cittadino di Messina Renato Accorinti, faccia la sua parte mostrandosi attivo, per scongiurare nuove crisi legate all’assenza del prezioso liquido nella comunità dello Stretto”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO