Nei giorni 21 e 22 ottobre, presso il Palazzo dei Congressi del Comune di Taormina, si terrà il convegno nazionale dal titolo “Vittime Consapevoli ed Inconsapevoli: Violenza di Genere ed Abuso sui Minori”. L’iniziativa, è organizzata da Ordine Nazionale degli Psicologi, Polizia di Stato e Associazione Italiana Psicologia Giuridica, in base ad un protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi della Sicilia, la Polizia di Stato e le Procure Distrettuale e per i Minorenni di Catania. Il documento che ha sancito tale comunione d’intenti, sottoscritto quest’anno da Ordine Regionale degli Psicologi, Questura, Polizia Postale e Procure, è stato il primo del genere in Italia, dunque un apripista, rappresenta un importante strumento di supporto alle attività svolte nell’ambito delle indagini sulla pornografia minorile e in generale, sullo sfruttamento sessuale dei minori nonché per l’ascolto delle vittime di violenza di genere.

Le due giornate previste nella perla dello Ionio, si pongono come importante evento formativo non solo per gli psicologi ma anche per magistrati, personale delle forze di polizia, medici, avvocati e assistenti sociali. L’obiettivo, è quello di rendere più efficace il contrasto dello sfruttamento sessuale dei minori, così come combattere la violenza di genere, si vogliono anche promuovere azioni utili per migliorare l’integrazione e la collaborazione multidisciplinare e multi professionale delle parti. Interverranno ai lavori, esperti provenienti da varie parti d’Italia, di assoluto rilievo del mondo della giustizia, accademico e sanitario. L’evento avrà inizio alle ore 9 di venerdì, aperto dal Presidente nazionale dell’Ordine degli psicologi, Fulvio Giardina, dai saluti del questore di Messina, Giuseppe Cucchiara e del sindaco di Taormina, Eligio Giardina. Sono previsti, oltre agli attestati di partecipazione, crediti ECM per 100 medici e psicologi e formativi per avvocati ed assistenti sociali. Per la registrazione gratuita all’evento, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail: info@psy.it.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO