La prevista visita di Angelino Alfano, che il ministro dell’Interno avrebbe dovuto tenere questa mattina in citta’ alla Sala Visconti-Fasola, e’ saltata per l’imprevista scossa di terremoto accaduta alle 07.41 nell’Italia centrale.

Essendo preminente il ruolo istituzionale, rispetto a quello di segretario del Nuovo Centro Destra e referente di Alleanza Popolare, Alfano non e’ potuto essere presente dovendo attivare le procedure di sua competenza in relazione al sisma.

Il componente del Governo Renzi, avrebbe dovuto riunire tutti gli affezionati ed appartenenti di NCD, a sostegno delle ragioni del Si al Referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre.

I deputati e colleghi di Area Popolare Vincenzo Garofalo, Bruno Mancuso e Nino Germanà che avevano organizzato a Messina la riunione con il ministro per focalizzare il tema della riforma costituzionale, comunicano: “il ministro Alfano ha sospeso il tour elettorale per il Referendum in Sicilia, seguendo cosi sin dal primo istante tutte le fasi delle operazioni di soccorso e recarsi immediatamente a Roma per incontrare, nella Sala operativa al Viminale, il Capo della Polizia ed i vertici dei Vigili del Fuoco”.

Garofalo in chiusura, aggiunge e termina: “ci auguriamo, che l’appuntamento sia solo rimandato. Oggi, in tutta sincerita’, malgrado l’importanza del tema, non eravamo nello spirito adatto per discutere di null’altro che della tragedia. Un dramma, che come italiani stiamo tutti vivendo in queste ore”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO