I poliziotti delle Volanti hanno arrestato nelle scorse ore, due cittadini egiziani di 17 e 19 anni. La misura in questione, è stata adottata, in quanto li si è ritenuti responsabili in concorso tra di loro del reato di rapina. Dopo una segnalazione, pervenuta alla Sala operativa, che riferiva di una lite tra extracomunitari a bordo di un autobus di linea appena sbarcato a Messina, proveniente da Roma e diretto a Palermo.

Gli agenti dunque, sono intervenuti nei pressi della Stazione ferroviaria bloccando il pullman. Sul luogo, effettuati i rituali accertamenti è stato ricostruito, grazie anche alle dichiarazioni dell’autista e di alcuni passeggeri, che i due egiziani, durante il viaggio avevano derubato un cittadino pakistano (mentre dormiva) del telefono cellulare.

Inoltre, dopo il reato commesso, durante la traversata dello stretto a bordo del traghetto, una persona di nazionalità nigeriana che li aveva notati come i responsabili del predetto furto, è stata dagli stessi minacciata di morte con un manicotto in ferro.

Nel frattempo i due egiziani, avevano tentanto di dileguarsi pensando di poter far perdere le loro tracce, per fortuna pero’ sono stati fermati e sottoposti a perquisizione, a seguito della quale uno dei due è stato trovato in possesso del telefono di cui si erano appropriati poco prima.

Gli stranieri pertanto, sono stati arrestati, secondo le disposizioni dell’Autorità Giudiziaria competente è stata eseguita la loro traduzione, dell’uno, presso la casa circondariale di Messina Gazzi, mentre per l’altro presso il centro di prima accoglienza di Catania.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO