Si sarebbe reso protagonista, di minacce di morte, percosse, estorsioni e violenze sessuali, ai danni di una ragazza con disagio mentale. Per queste sue pericolose e deplorevoli azioni, Il responsabile dei fatti descritti e’ stato arrestato nelle scorse ore dai carabinieri.

E un giovane diciannovenne, residente nel comprensorio di Milazzo. Le delicate indagini, condotte dai militari dell’Arma sono state avviate dopo la denuncia di un familiare della vittima che aveva avuto modo di accorgersi di un insolito ammanco di denaro dal conto corrente.

A parte i furti, e’ stato possibile appurare il comportamento violento del soggetto che si impossessava dei soldi. In modo particolare, il 19 enne si appropriava facendo razzia, di moneta e tessere bancomat che trovava nell’abitazione della vittima.

Per essere piu’ convincente, minacciava la povera malcapitata di bruciarla se avesse riferito a qualcuno delle percosse, dei furti e tra i mesi di giugno e settembre anche varie violenze sessuali. Ad incastrare il ragazzo, uno degli ultimi prelievi effettuato dal punto bancomat situato presso un centro commerciale, ove le telecamere di sorveglianza lo hanno immortalato permettendo la sua identificazione.

In totale, il 19enne sarebbe riuscito ad entrare in possesso di circa quattromila euro tra contanti e prelievi effettuati con le carte. Le indagini, sono state portate avanti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto guidata dal procuratore Emanuele Crescenti. L’attivita’ giudiziaria, ha reso possibile raccogliere un quadro indiziario talmente grave e tale da giungere all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO