Il Comando Provinciale dei carabinieri di Messina, prosegue nei controlli del territorio nelle aree più frequentate nel corso dei fine settimana. Durante le prime ore odierne, è stato dispiegato un ampio dispositivo con decine di uomini e mezzi impiegati, si tratta di un servizio ad alta valenza, se si pensa che lo si è posto in essere in concomitanza con il “WORLD DAY of REMEMBRANCE for ROAD TRAFFIC VICTMIS”, ovvero la “Giornata Mondiale del Ricordo della vittime della Strada”, osservata la terza domenica di novembre di ogni anno in diversi Paesi, in memoria delle vittime di sinistri stradali. In tale ambito sono stati disposti con finalità preventive posti di controllo dotati di etilometro in vari punti nevralgici del centro cittadino, quali le intersezioni tra il corso Cavour e la via Tommaso Cannizzaro, l’incrocio tra la via Cesare Battisti e la via Giuseppe Garibaldi e quello tra via La Farina e la Tommaso Cannizzaro.

Allo stesso tempo, sin dalla prima serata di sabato, pattuglie in borghese svolgevano un’attività di repressione dei reati contro il patrimonio specificatamente rivolta alla tutela degli esercizi commerciali, ormai sempre più frequentati con l’approssimarsi delle festività di fine anno. Gli appartenenti alla Benemerita hanno potuto constatare come molti giovani, si siano fatti da parte preferendo evitare di sedersi al volante, cedendo il controllo del veicolo ad amici che non avevano assunto alcool, allo scopo di non incorrere in pesanti sanzioni, pericoli per la circolazione stradale e l’incolumità dei cittadini. Tuttavia, non sono mancati i casi di denuncia per guida in stato di ebbrezza.

Nello specifico, 5 uomini di età compresa tra i 23 e i 46 anni colti alla guida con tassi alcoolemici che giungevano a punte di 1,71 g/l, sono finiti fra le maglie dei controlli, ad essi sono state comminate le relative sanzioni. Altri due soggetti, sono stati invece denunciati per detenzione di coltello di genere vietato, possedendone di lunghezza complessiva fra 16 e 18 cm. Ulteriori due persone poi, sono state segnalate per guida senza patente. Infine, per 5 giovani si è proceduto alla loro segnalazione presso la Prefettura di Messina, come assuntori di stupefacenti, circa 15 grammi di marijuana sono stati sequestrati.

Tre i ragazzi tratti in arresto, cioè 2 donne ucraine e un romeno (tutti studenti) di età compresa tra i 19 e i 23 anni sorpresi mentre asportavano vestiario da un negozio del centro cittadino dal valore di oltre 600 euro.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO