In una piazza Cairoli che a tratti ricordava quella dei grandi comizi politici di partiti come il MSI, AN o i Radicali si e’ tenuto un importante appuntamento. Protagonista assoluto, il “Movimento Cinque Stelle”, con #IODICONOTOUR.

Sul palco allestito per l’occasione, molti dei deputati regionali e nazionali pentastellati fra cui Giancarlo Cancelleri ed Alessandro Di Battista. A distanza di quattro anni, dopo che Beppe Grillo nel settembre 2012 attraverso’ lo Stretto a nuoto, facendo da preludio alla vittoria del M5S all’Assemblea Regionale Siciliana, oggi gli eventi si ripetono a sostegno della campagna per il No al Referendum del 4 dicembre.

Poi chissa’ con uno sguardo alle elezioni regionali del 2017. Cancelleri gia’ candiato presidente, ha dichiarato: “siamo pronti, a prenderci eventuali responsabilita’ di Governo, guardando in prospettiva futura”.

Di Battista invece, arrivato in ritardo anche a causa di un sistema di trasporti inadeguato, fa sapere: “il problema qua, e’ che lo Stato ha abbandonato il trasporto pubblico. Ma guardate, che e’ cosi dappertuto. Nello Stretto, vi e’ un avanzare dei trasporti privati a discapito del pubblico. La sanita’, e’ anch’essa in mano ai privati. Nel 2016, vi sono situazioni come ad esempio in Calabria, nelle quali i territori sono collegati da treni a gasolio (Crotone-Lamezia Terne)”.

Il rappresentante a Monte Citorio dei Grillini, conclude sottolineando: “con questa riforma, che vorrebbero attuare per via referendaria, si andrebbero a consolidare le posizioni dei parlamentari e dei partiti a danno dei cittadini, che e’ necessario alzino la testa, per dire no. No al voto di scambio, che esiste anche a Roma o in Piemonte, no alle infiltrazioni di mafia, ‘ndrangheta e camorra nelle grandi opere pubbliche”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO