Il procedimento penale, noto come “il sacco edilizio di Fiumedinisi”, a carico dell’ex sindaco Cateno De Luca, attuale primo cittadino di Santa Teresa di Riva (Me), e’ stato rinviato al prossimo 7 febbraio 2017.

In proposito, De Luca scrive: “ancora rimango sindaco di Santa Teresa di Riva. Non solo i pubblici ministeri che mi hanno arrestato, non si sono presentati per replicare alle oltre 3 mila pagine di memorie difensive presentate daila mia difesa, ma un improvviso problema intestinale di un difensore consentirà alla Procura di potersi studiare la documentazione da me prodotta”.

“Tutto, per replicare il 7 febbraio 2017: cosa fino ad ora mai fatta, perché credevano di condannare l’impertinente De Luca fuori dalle regole del gioco. La verita’ e’ molto semplice: sono stati tutti presi in flagranza di reato”.

Il massimo ed attuale responsabile della politica santa teresina, conclude: “loro pensavano, che oggi si concludesse il processo a De Luca, ma si sbagliavano perche’ tutto inizia ora. Chi vivra’, vedra'”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO