Nel pomeriggio di sabato i carabinieri della Stazione di “Messina Centro Arcivescovado”, agendo in modo da attuare un piano operativo di controlli legati alle imminenti festivita’ natalizie, hanno tratto in arresto un 18enne messinese, fermato nella centralissima piazza Cairoli.

Il giovane, è stato trovato con 20 dosi di haschish pronte da spacciare agli altri giovanissimi frequentatori del centro cittadino. L’arrestato, lo si è fermato insieme ad un non-ancora 16enne, subito dopo essere stato individuato quale autore del danneggiamento di un cestino dei rifiuti situato nel cuore del capoluogo peloritano, fatto esplodere con un grande petardo e completamente divelto da terra.

Altri danneggiamenti simili, accaduti nei giorni scorsi erano stati segnalati. L’atteggiamento dell’appena maggiorenne, ha convinto i componenti della pattuglia dei carabinieri attiva sul luogo ad approfondire il controllo.

Cosi, addosso al ragazzo, nelle tasche del suo giubbotto si sono rinvenute delle dosi per un peso complessivo di 15 grammi di haschish, che lui stesso custodiva.
Il minorenne in sua compagnia, è stato denunciato per danneggiamento.

Nell’ambito di queste azioni di pattugliamento del territorio, in prima linea vi è il Nucleo Radiomobile coadiuvato dalle
Compagnie di Messina Centro e Sud, che hanno intensificato i servizi preventivi con maggiore attenzione verso il centro cittadino “sorvegliato speciale” continuamente battuto dalle autoradio dei carabinieri e da appartenenti all’Arma appiedati, nelle aree pedonali.

Tutto, dal momento che si è incrementato in modo rilevante il flusso di persone presenti. Complessivamente, sono state segnalate 10 persone alla Prefettura, perche’ abituali assuntrici di sostanze stupefacenti, mentre sono stati registrati altri casi di guida in stato di ebbrezza. Oltre 150, le persone controllate nel fine settimana appena trascorso.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO