La Squadra mobile di Reggio Calabria, della Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali”, giunta a conclusione di meticolose indagini coordinate dal procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, dottor Federico Cafiero de Raho, e dal procuratore Aggiunto, dottor Gerardo Dominijanni, hanno tratto in arresto nella giornata del 12 dicembre scorso, M.G. classe 1977.

Le Forze dell’Ordine, hanno operato in esecuzione di una ordinanza cautelare in carcere emessa dal giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria, avendo ritenuto l’arrestato responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale aggravata e stalking

Gli agenti della Squadra Mobile reggina, hanno squarciato il velo su una delicata storia venutasi a consolidare nel tempo, nascosta fra il silenzio delle mura domestiche. Una vicenda, caratterizzata da: reiterate e continue vessazioni, minacce e ingiurie, violenze fisiche e psicologiche.

Dati gli eventi, l’attivita’ investigativa e’ stata portata avanti, con il massimo riserbo, per tutelare la privacy delle persone persone offese, che hanno subito i reati predetti, questo a maggior ragione per il coinvolgimento di minori in tali tragici fatti.

I figli della coppia infatti, assistevano con dolore ai mortificanti ed ingestibili comportamenti violenti tenuti dall’uomo verso la moglie, posti in essere per molti anni, anche alla presenza della prole, verso cui a volte il padre ha anche agito malmenandola.

La paura esistente nel nucleo familiare, ha indotto la donna a sopportare rapporti sessuali contro la propria volonta’. La vittima per fortuna, ha pero’ trovato il coraggio di abbandonare l’uomo facente parte di una famiglia di ‘ndrangheta, tutto con il timore di ritorsioni, che il violento soggetto ha attuato realizzando azioni di stalking.

A seguito dell’ordinanza di custodia, il marito e padre violento, si trova ristretto nel carcere di Arghilla’ dallo scorso 12 dicembre. Su di lui, pendono circostanziate accuse, tutte riscontrate dagli investigatori della Questura.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO