Il consigliere comunale, Libero Gioveni, del Gruppo Centristi per la Sicilia, in una nota si sofferma sulle condizioni della Scuola Gentiluomo di Camaro e sottolinea: “se da un lato, col freddo rigido di questi giorni, ci si preoccupa giustamente, nel giorno di ripresa delle lezioni, che gli impianti di riscaldamento nelle scuole possano tutti funzionare per accogliere i piccoli alunni in ambienti confortevoli, dall’altro non si può non denunciare il fatto che vi siano in città ancora dei plessi senza addirittura questo genere di impianti”.

Gioveni, denuncia: “è il caso, per esempio della scuola elementare e materna La Pira – Gentiluomo di Camaro, che non ha mai disposto dei necessari riscaldamenti all’interno del plesso, con buona pace dei genitori che, specie nei giorni di forte freddo come questi attuali, non possono non pensare a questo inaccettabile deficit che pregiudica seriamente la salute dei loro ragazzi. Già ieri fra gli stessi genitori, c’era stato un passaparola sull’opportunità o meno di portare stamattina i piccoli a scuola viste le temperature polari, tant’è che in passato loro stessi e qualche insegnante avevano provveduto anche attraverso delle stufe elettriche”.

“Ma proprio la presenza delle stufe in quasi tutte le aule, nonostante il lungo e vasto corridoio ne risulti chiaramente privo, li ha convinti stamane a farli entrare. Eppure, agli atti del Dipartimento edilizia scolastica, vi è depositato il progetto definitivo per l’adeguamento alle norme urgenti di sicurezza e di rifacimento dell’impianto di riscaldamento e della scala antincendio nel plesso, dell’importo complessivo di 720.000 euro (cifra che riguardava anche alcune opere all’interno della chiusa scuola Leopardi) e che risulta essere inserito già dall’anno 2005 nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche”.

L’esponente centrista, termina il proprio documento, affermando: “considerata, pertanto, l’urgenza di finanziare il suddetto progetto per renderlo a tutti gli effetti esecutivo, sarebbe opportuno conoscere una volta per tutte le reali intenzioni dell’Amministrazione, se cioè si intende porre in essere il completamento di tutti gli atti tecnici, amministrativi e finanziari per rendere esecutivo il già esistente progetto di adeguamento della scuola elementare Gentiluomo di Camaro”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO