Alessandro Tinaglia, responsabile del Movimento politico Reset, interviene sulle ultime vicende che hanno interessato le scuole di Messina (interessate anch’esse dal freddo di questi giorni) ed afferma: “dopo l’ennesima emergenza tramutata in farsa non siamo sorpresi dall’accaduto, visto che fin quando questa Amministrazione resterà in carica continueremo ad assistere a tali sceneggiate, ma troviamo sorprendente che qualcuno ancora si stupisca”.

“Fa rabbia francamente, che chi tiene in piedi da anni questa Amministrazione oggi si indigni. La verità è che assisteremo agli ennesimi e finti attacchi, il sindaco resterà attaccato alla poltrona nonostante le ovvie lamentele dei suoi assessori che gli ricordano quanto sia stato precipitoso ed impreparato”.

Tinaglia, conclude così il proprio pensiero: “il professore, viene ancora una volta bocciato dai fatti ma tanto sa che una città che si beve ventuno giorni senza acqua ed un debito di 550 milioni di euro è capace di accettare tutto. Restiamo quindi in attesa, di assistere alla prossima puntata. Povera Messina poveri noi, Reset c’è”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO