L’Associazione Italiana Sindromi Atassiche con un comunicato stampa diffuso in queste ore, in relazione alla Maratona di Messina (organizzata dalla Polisportiva Odisseus presieduta da Antonello Aliberti) tenutasi domenica 15 gennaio, informa: “alla 9^ edizione della gara podistica svoltasi ieri, insieme ai numerosissimi atleti, la corsa e l’esempio di Stellario Filocamo ha dato un plus valore alla manifestazione. Stellario, atleta atassico, messinese di nascita ma residente a Lignano Sabbiadoro, ha rappresentato e corso la Shakespeare Run (10 km) per tutti gli atassici, provato dalla fatica ma felice come se avesse vinto più che una olimpiade (cit.)”.

“E’ stato scortato e accompagnato fino al traguardo dalla moglie Anna, dalla famiglia Cambria, Antonio, Letizia e la figlia Francesca, negli ultimi 50 metri da Giuseppe Colombo, presidente A.I.S.A. sezione Sicilia e vice presidente Nazionale A.I.S.A. (Associazione Italiana Sindromi Atassiche). L’atleta, come messinese per il suo impegno sportivo e sociale, ha inoltre ricevuto dal professore Ludovico Magaudda, alla presenza di Antonello Aliberti, organizzatore della manifestazione e delle autorità istituzionali, il Premio Panathlon International Club Messina con la seguente motivazione: a esempio di coraggio e abnegazione nello Sport enella Vita – Barcollo ma non Mollo”.

Per concludere il sodalizio associativo, invita a pensare a questa importante esortazione: “il suo messaggio è di aiutarsi reciprocamente, volersi bene e rispettarsi perchè la vita è un dono prezioso (cit), la A.I.S.A., rappresenta un supporto per se stesso e un mezzo per aiutare, a sua volta, con il suo esempio e la sua presenza, chi ha bisogno”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO