Il giornalista ed attivista messinese Antonio Mazzeo (un tempo come qualcuno ha detto il migliore amico del sindaco Renato Accorinti), in un post sul proprio profilo facebook, scrive: “torna a Messina la troupe di Striscia la Notizia per consegnare al sindaco Accorinti il Tapiro d’oro dell’ipocrisia. Dopo il servizio denuncia sulla malaccoglienza migranti che tanto ha fatto infuriare l’assessora ai servizi sociali Antonina Santisi Hospes (“siamo all’avanguardia nell’accoglienza dei rifugiati e dei minori stranieri non accompagnati e le tendopoli e caserme lager non sono mai esistite”), la popolare trasmissione di Canale 5 giungerà nella città dello stretto domenica 29 febbraio per -premiare- il pacifista free Tibet Renato per le sue poco pacifiste scelte in campo assessoriale”.

“Tutto, dopo la nomina a vicesindaco di un co-ricercatore di droni killer e di un (ex) assessore al bilancio ultrasionista e ultrarenziano (ma pare che il primo cittadino – che già lo aveva accompagnato alla kermesse di tale Faraone – lo abbia scoperto solo un paio di giorni fa), intanto è giunta inattesa la promozione a neoassessore (ma il diretto interessato Giuseppe Cannizzaro ha rinunciato lasciando una vacatio) alle finanze di un consulente promotore finanziario della banda-banca Fideuram, gruppo Intesa San Paolo, all’avanguardia nelle coperture finanziarie dell’export di armi made in Italy ai tanti sanguinari regimi del pianeta”.

Mazzeo, termina specificando: “la consegna del Tapiro dell’ipocrisia avverrà in una nota pasticceria del centro città di proprietà (al 98%) del consorte dell’assessora dell’accoglienza -diffusa- (cioè spalmata in CARA, hotspot, future tendopoli, Case per minori e Sprar tutte in mano alla stessa holding già Cascina-CL). Inizialmente l’evento si sarebbe dovuto tenere presso il prestigioso teatro Vittorio Emanuele, ma il terremoto generato dall’arrivo di un commissario ha convinto gli amministratori a preferire i locali dell’Azienda di piazza Cairoli, nonostante la stessa, con delibera unanime del consiglio d’amministrazione del Teatro peloritano del 18 settembre 2015, abbia ottenuto con -trattativa privata- la concessione del servizio bar-ristoro dell’E.a.r. V.E.”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO