Polipòpio: un libro che ci fa scoprire il senso della parola felicità

IL LIBRO DI EMMA MARGARI

0
236
polipòpio

Le favole, così come le belle storie, non hanno età. Sono per tutti, per i grandi e per i più piccoli. Il libro Polipòpio, scritto da Emma Margari ed edito da Armando Siciliano, narra di un simpatico polipo che vive nel mare di Santa Maria di Leuca, in compagnia di Emy, una tenera bambina alle prese con la scoperta del mondo degli adulti e dei grandi conflitti che lo caratterizzano.
Polipòpio si allena da anni per raggiungere il suo obiettivo: non voleva che il suo tempo trascorresse a ridosso di quegli scogli, ma sognava di oltrepassare la scia del Faro di Leuca.
“Polipòpio” è il coraggio della parte bambina sopita dentro ognuno di noi, è l’evoluzione e la trasformazione del dolore, è la voce del bambino che dovrebbe parlare ad ogni adulto, è saggio e ragionevole.
In ogni racconto ci sono concetti che si apprendono con difficoltà perché comprendere Polipópio vuol dire comprendere il coraggio del cambiamento. Non esiste cambiamento che non passi dalla sofferenza. Capiterà leggendolo che qualcuno… possa chiudere il libro, quasi a voler chiudere la porta dell’infinito… si! Perché in ogni ‘scrigno dell’emozioni’ c’è sempre il potere di un nuovo inizio. “Polipòpio” sa che la felicità è un viaggio faticoso attraverso l’anima, conosce bene le fragilità che la abitano, eppure egli da un messaggio di speranza perché la felicità è viaggio non la meta.
Un libro semplice, che fa emergere degli interrogativi sul significato della vita e del valore delle piccole cose che fanno scoprire (o riscoprire) il significato della parola “felicità”.
Parte dell’incasso della vendita del libro, le cui illustrazioni sono realizzate da Benedetta Francioso, sarà devoluta a “Mimì, associazione del sorriso”, di cui l’autrice Emma Margari è presidente. Questa associazione è un punto di riferimento ormai consolidato per l’organizzazione di attività ricreative e del benessere rivolte ai bambini del Salento.

(Chiara Chirieleison)

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO