Lamezia (CZ): 12 arresti, in una operazione contro la ‘ndrangheta

RESOSI IRREPEREBILE VINCENZO TORCASIO

0
289

La Polizia di Stato di Catanzaro e lo Sco, hanno condotto nelle scorse ore, una brillante operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, che ha comportato l’arresto di 12 esponenti di una certa rilevanza, facenti parte dei clan di ‘ndrangheta, Iannazzo e Cannizzaro-Daponte. Le organizzazioni malavitose, sono attive nel comprensorio lametino.

I soggetti coinvolti, hanno subito tutti condanne in primo grado riportando pene eloquenti, dal momento che si è ravvisata a loro carico l’esistenza dei reati di: associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, omicidio e traffico di armi. Tra di loro, risultano due irreperibili, il più importante dei quali il 39enne Vincenzo Torcasio, soprannominato “U Giappone”, precedentemente condannato per omicidio a 30 anni.

Attraverso le indagini, si è arrivati a stabilire l’esistenza di un accordo messo in pratica partecipando a veri e propri incontri mafiosi, intercorrenti tra le cosche Iannazzo e Giampà. Tutto, col fine di spartirsi i proventi derivanti dal racket delle estorsioni, adoperando collaudate tecniche operative. E’ stata fatta piena luce, anche sugli omicidi (avvenuti nel 2003) in danno di Vincenzo e Antonio Torcasio, accaduti per ristabilire gli equilibri tra le varie cosche delle ‘ndrine di Lamezia Terme.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO