Palazzo Zanca: sull’ipotesi di un hotspot, a Messina

L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE PRENDE POSIZIONE CON UNA NOTA

0
312

Con una nota redatta congiuntamente, la Giunta (Accorinti) di Palazzo Zanca, prende posizione sull’ipotesi di creazione di un hotspot a Bisconte, ed evidenzia: “in merito all’ipotesi di un hotspot a Messina, l’Amministrazione comunale, specifica che, Coerentemente con il modello di accoglienza diffusa promosso nella città dello Stretto, abbiamo, nelle interlocuzioni con le istituzioni, sempre ricevuto rassicurazioni circa l’indisponibilità ad accogliere un hotspot in quanto provocherebbe una significativa lacerazione nell’impegno fino ad oggi messo in campo verso una prima e una seconda accoglienza fondata sul riconoscimento dei diritti di cittadinanza”.

“Pertanto, così come la tendopoli fin dal primo momento è stata osteggiata, allo stesso tempo, oggi, qualora l’ipotesi di un hotspot dovesse diventare percorribile, l’Amministrazione ancora una volta rifiuta questo modello e ribadisce il proprio no”.

“L’accoglienza nella nostra città, che vede insieme istituzioni e società civile, è organizzata per i minori in centri di prima e seconda accoglienza e per gli adulti in case accreditate nel Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) con 20 posti -ordinari-, e grazie alla partecipazione all’ultimo bando di 71 posti per -vulnerabili-, quali vittime di tratta, donne sole con bambini, anziani e persone con disabilità”.

“L’Amministrazione si accinge, inoltre, a partecipare all’accesso al sistema Sprar anche per i minori non accompagnati. Le interlocuzioni, sono sempre state intrattenute con il dipartimento per le Libertà Civili del Ministero dell’Interno e con la locale Prefettura, da cui ad oggi non sono giunte notizie circa l’apertura di un hotspot nella nostra città”.

Concludendo, nel documento si afferma: “infine l’assessore alle Politiche Sociali, Nina Santisi, invita tutte le forze politiche e sociali contrarie all’hotspot ad unirsi in un unico coro, affinchè -la città di Messina, continui nel percorso intrapreso rivolto ai processi inclusivi e all’affermazione del diritto e dovere di protezione dei nuovi cittadini”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO