Messina: il ministro De Vincenti, si impegna per i progetti del Masterplan

ENTRO UN PAIO DI MESI IL VIA AI CANTIERI

0
256
De Vincenti - Accorinti

Questa mattina, si è svolta a Palazzo dei Leoni l’annunciata (nei giorni scorsi) riunione del Comitato che ha il compito di indirizzare e controllare la gestione del “Patto per La Città Metropolitana di Messina”. Ai lavori, vi è stata la partecipazione di Claudio De Vincenti (ministro per la Coesione territoriale del Governo Gentiloni).

Gli altri partecipanti a questo importante incontro tecnico, sono stati: il primo cittadino metropolitano Renato Accorinti, il commissario straordinario (avente i poteri del Consiglio Metropolitano) dottor Filippo Romano, il presidente del Comitato Riccardo Monaco, il componente del Comitato per la Città Metropolitana di Messina Maria Angela Caponetti, il PCM-Dipartimento protezione civile-componente del Comitato Vincenzo Donato, il PCM-Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica-componente del Comitato Claudio Cesi, il rappresentante dell’Agenzia per la Coesione Territoriale-Area Programmi e Procedure-Ufficio 3 Accompagnamento e sostegno Programmi regionali Luciano Russo, il rappresentante dell’Agenzia per la Coesione Territoriale Patrizia Abballe, ed il responsabile unico dell’attuazione del Patto per la Città Metropolitana di Messina Armando Cappadonia.

Il ministro De Vincenti, ha riferito: “da qui a qualche settimana, diciamo, un paio di mesi, partono i lavori, cioè i cantieri per la piastra logistica di Tremesieri, come anche quelli per lo svincolo di Giostra. Poi, sono in corso di emanazione bandi importanti sia per la viabilità, sia per la riqualificazione urbana a Messina come anche in altri comuni del territorio”.

“E’ stato concluso, l’iter per la conciliazione, con il contraente generale per il Porto di Santo Stefano di Camastra e si sta avviando per sbloccare e portare a compimento, anche la vicenda relativa all’approdo di Sant’Agata di Militello, poi varie altre attività che vanno avanti”.

Accorinti invece, da par suo ha evidenziato: “intanto, voglio dire che questa venuta del Governo nel territorio, è una cosa nuova, ed è una cosa molto interessante e buona, come senso di collaborazione e per un controllo. Soprattutto perchè le opere devono essere ben fatte, con un corretto iter burocratico. Si sta monitorando tutto, passo dopo passo, poi verrà stanziato il 10%, che consintirà di andare avanti e successivamente proseguire”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO