Al Palacultura (ME – venerdi pomeriggio): “Il bambino che non voleva essere un lupo”

RESTIAMO UMANI E' L'INVITO SEMPRE ATTUALE

0
306

Vittorio Arrigoni, volontario, attivista pacifista, voce libera che ha raccontato l’inferno di Gaza dall’interno, amava rivolgere a ciascuna/o questo invito sempre attuale: “Restiamo umani”.

Si svolgerà venerdì, 24 Marzo 2017, alle 17 presso la sezione Ragazzi della Biblioteca Comunale (Palacultura) e alle 18.30, sempre al Palacultura, l’incontro con Egidia Beretta Arrigoni.

Egidia Beretta, mamma di Vittorio -Vik- Arrigoni, ci racconterà la breve vita di suo figlio, il cui barbaro assassinio è avvenuto a Gaza nella notte tra il 14 e il 15 aprile 2011: “un racconto che passerà anche attraverso la lettura e la presentazione della fiaba “Il bambino che non voleva essere un lupo ed i libri -Il viaggio di Vittorio- e -Restiamo Umani-, opere che raccontano la vita di un giovane che aveva capito come si può dare un senso alla parola -Utopia-, come la sete di giustizia, di pace, di fratellanza e di solidarietà abbiano ancora motivo di esistere e che, come affermava spesso Vik, -la Palestina può anche essere fuori dall’uscio di casa-“.

Vik, nei suoi anni di attivismo, si è trasferito nella Striscia di Gaza per agire contro quella che riteneva una pulizia etnica da parte dello Stato di Israele nei confronti della popolazione palestinese e ci ha permesso di conoscere, tramite Guerilla Radio, il conflitto israeliano-palestinese.

Il viaggio di Vittorio continua nel cuore e sulle gambe di chi crede nell’umanitá, di chi porta le sue idee e i suoi scritti in giro per l’Italia, di chi lotta per un mondo più umano e più giusto, continua in chi va avanti con la ferma convinzione che “conoscere è il primo passo per la soluzione”.

Appuntamento con bambine/i alle 17:00 alla sez.Ragazzi della Biblioteca Comunale (Palacultura) per leggere la fiaba che parla di Vittorio, e alle 18.30 con tutte e tutti per la presentazione dei libri.

Evento FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/313259715743972.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO