Messina: ricordata ieri, la “Giornata Mondiale del Servizio Sociale”

GLI AUGURI DELL’ASSESSORA ALLE POLITICHE SOCIALI DOTTORESSA NINA SANTISI

0
246

Fra le tante date che si celebrano a livello internazionale, sottolineiamo che il 21 marzo, è la “GIORNATA MONDIALE DEL SERVIZIO SOCIALE”.

L’assessora alle Politiche Sociali del Comune di Messina, con una nota rivolge gli auguri, specificando: “la promozione della dignità e del valore delle persone è strettamente collegata al tema del welfare e dello sviluppo delle comunità in cui le persone vivono”.

Una comunità, in cui è possibile l’espressione delle libertà individuali è una comunità che restituisce valore alle persone e consente loro di realizzare i diritti universalmente riconosciuti: “l’abitare, la conoscenza, il lavoro, la socialità e l’affettività. In un momento in cui, nel nostro paese, si rischia che le risorse per le politiche sociali e per la non autosufficienza, subiscano importanti riduzioni, riflettere sull’importanza delle politiche sociali e sui servizi che sostengono è fondamentale. Una comunità può dirsi, infatti, competente se ha un repertorio di possibilità e di alternative, se sa dove e come ottenere risorse e se chiede di essere autonoma”.

In questo ambito, lavorano con passione e dedizione professioniste e professionisti, impegnati quotidianamente in sfide nuove e non facili, dove accompagnano percorsi di vita difficili, con sensibilità e determinazione. Ma anche con dubbi e ansie che la loro responsabilità comporta. Il titolo scelto quest’anno, -Promuovere la comunità e la sostenibilità ambientale- declina la pluralità degli ambiti e delle prospettive in cui opera l’assistente sociale, con un focus sul benessere: “comunità, contesti, famiglie, nuove e anziane generazioni, processi inclusivi, migranti, diritti….-“.

Per terminare, la dottoressa Santisi, evidenzia: “anche quest’anno, auguro a tutte le assistenti sociali della nostra città e dell’area metropolitana con le quali ho avuto il piacere di entrare in relazione, in questo periodo di intenso impegno, -buon lavoro-, ricorrendo ad una citazione di Primo Levi: “Il tipo di libertà più accessibile, più goduto soggettivamente, e più utile al consorzio umano, coincide con l’essere competenti nel proprio lavoro, e quindi nel provare piacere a svolgerlo”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO