Quei genitori cacciati dalle vite dei loro figli

SU "MONDO PADANO", UN ARTICOLO DI LAURA BOSIO

0
274

Le vittime delle separazioni. Vicende familiari torbide, accomunate da un fil rouge di sofferenza e di disagio che coinvolge loro malgrado tutti gli attori: “si chiama alienazione genitoriale e secondo gli addetti ai lavori è un fenomeno in crescita nel nostro Paese”.

“Ne parliamo con Maria Cristina Verrocchio, psicologa, psicoterapeuta, professore Associato in psicologia clinica presso l’Università di Chieti, che ha svolto numerose ricerche sul fenomeno, anche in collaborazione con esperti internazionali”.

La cosa certa è che non vi sono dati effettivi relativi alla prevalenza di questo fenomeno, in Italia: “questo per una svariata serie di motivi, tra cui il fatto che nelle indagini Istat sul fenomeno dei divorzi questo particolare aspetto non viene indagato» spiega la docente. Dal nostro punto di osservazione privilegiato, in qualità di consulenti tecnici e ricercatori e psicologi clinici, stiamo però notando che vicende di questo tipo sono sempre più frequenti”.

“Si caratterizzano per essere situazioni molto dolorose e complesse da gestire. In Italia stiamo affinando la capacità di riconoscere questo tipo di fenomeno, e c’è una letteratura scientifica che ci aiuta a capire quali sono i segnali di tali dinamiche relazionali disfunzionali. Sono accadimenti, che generano gravi conseguenze sulla crescita dei minori. Rifiutare un genitore significa rifiutare una parte di sé”.

Le storie, le divisioni finiscono in tribunale: “così suo padre me l’ha portata via”.

L’articolo completo, si può leggere nella versione cartacea di: “Mondo Padano”, o abbonandosi seguendo le linee guida presenti in: www.mondopadano.it.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO