Mamma non vuole: il cortometraggio che affronta il tema delicato e controverso della sindrome da alienazione genitoriale

E' STATO PRESENTATO LO SCORSO 19 APRILE ALLA CAMERA DEI DEPUTATI, FRA I PROTAGONISTI: AMEDEO GAGLIARDI E GIANCARLO GIANNINI

0
185

Alessandro Lamberti, non vede suo figlio dal 2010. Solo in Italia, ad oggi, i genitori che non riescono più a vedere i loro figli a causa dell’alienazione parentale, sono oltre 2 milionii. Considerando la media statistica di figli per ciascun padre sono circa 5 milioni i soggetti coinvolti nel problema, ma, di fatto, ne sono coinvolti anche i parenti (nonni, zii, ecc.) e gli amici di famiglia.

Si chiama: “Mamma non vuole”, il cortometraggio che affronta il tema delicato e controverso della sindrome da alienazione genitoriale – di cui Genoma Films è produttore esecutivo – è stato presentato il 19 aprile alla Camera dei Deputati.

Questo il comunicato dell’onorevole Elena Centemero, presidente della Commissione Eguaglianza e non discriminazione del Consiglio d’Europa: “si deve assicurare piena parità di diritti tra papà e mamme e considerare che il diritto fondamentale è quello delle bambine e dei bambini a crescere avendo relazioni significative con entrambi i genitori separati e divorziati. Il documento video, mostra una storia vera, quella di Amedeo Gagliardi, sull’alienazione genitoriale e sui gravi danni che provoca”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO