Gettonopoli: la pubblica accusa chiede pesanti condanne, per i consiglieri comunali accusati di truffa e falso

DOMANDATA L'ASSOLUZIONE PER NORA SCUDERI E LIBERO GIOVENI

0
227

La cronaca di uno dei processi (Gettonopoli) più importanti, nella Messina di questi ultimi anni, ci viene raccontata da chi con impegno la segue, ovvero il giornalista Michele Schinella, sul suo: www.micheleschinella.it.

I fatti
Il pubblico ministero Francesco Massara al termine della requisitoria di un paio di ore ha chiesto dure condanne per i consiglieri comunali imputati di aver percepito gettoni di presenza pur non avendo partecipato effettivamente alle sedute del Consiglio comunale.

Le pene richieste vanno dai tre anni ai 5 anni di reclusione, parametrate al numero dei capi di imputazione (e ai vari episodi delittuosi) per falso e truffa contestati a ciascun consigliere.

Nel processo in corso di svolgimento nell’aula bunker del carcere di Gazzi davanti al Tribunale presieduto da Silvana Grasso, il pm Massara ha chiesto la condanna a 3 anni per Antonino Carreri; a 3 anni e sei mesi per Santi Sorrenti; a 3 anni e 8 mesi per Andrea Consolo; sempre a 3 anni e 8 mesi per Nicola Cucinotta, a 4 anni per Piero Adamo; a 4 anni e tre mesi per Carmelina David; a 4 anni e tre mesi per Angelo Burrascano; a 4 anni e 7 mesi per Pio Amadeo; a 4 anni e 8 mesi per Fabrizio Sottile; a 4 anni e sei mesi per Carlo Abate; a 4 anni e due mesi per Paolo David; a 4 anni e 10 mesi per Nicola Crisafi; a 4 anni e 11 mesi per Santi Daniele Zuccarello; a 5 anni di reclusione per Benedetto Vaccarino.

Il pubblico ministero ha chiesto invece l’assoluzione sia pure con formula dubitativa per Libero Gioveni e Nora Scuderi, imputati di poche ipotesi di reato.

Subito dopo la requisitoria, sono iniziate le arringhe degli avvocati degli imputati, che impegneranno anche le prossime udienze.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO