Catania: picchia la madre, dopo la morte del padre

LE DICE: "TI TAGLIO LA TESTA"

0
398

Aveva creato, un vero e proprio clima di terrore nell’ambito della propria famiglia, così è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Catania.

L’autore, si è reso protagonista, di minacce e aggressione ai familiari, alla madre, alla sorella ed al padre malato di sclerosi multipla, per farsi consegnare dei soldi che gli servivano per comprare droga. Vi sono stati cinque anni di vessazioni, al termine dei quali per un 23enne sono scattati gli arresti.

Le vittime hanno vissuto una escalation di violenza, a pochi giorni dalla morte del padre, ha picchiato la madre per farsi consegnare la sua presunta parte di eredità: “l’ha aggredita scaraventandola per terra procurandole delle lesioni e rubandole l’auto. I militari dell’Arma hanno soccorso la donna che è stata medicata in ospedale per contusioni a spalle, braccia e gambe, e poi bloccato l’aggressore.

Il giovane, in caserma, di fronte a madre e sorella, ha continuato a minacciare la mamma urlando ai carabinieri: “Arrestatemi perché se torno libero gli taglio la testa e i soldi non se li gode”.

Nello scorso febbraio il giovane era stato allontanato, con provvedimento, anche dall’abitazione dei nonni materni, nella quale aveva trovato ospitalità, per avere vessato i due anziani. Dopo la contestazione del reato è stato condotto in carcere.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO