A Messina: “Legami Mafiosi-Legali si può”

IL PRIMO INCONTRO PER CONTRASTARE LA MAFIA, SI E' TENUTO QUESTA MATTINA IN VIALE EUROPA PRESSO "L' ISTITUTO CENTRALE DI FORMAZIONE-TRIBUNALE DEI MINORI"

0
300

L’Associazione Bios capofila del progetto Legali si può, ha presentato oggi il convegno “Legami Mafiosi” presso il Tribunale minorile di Messina nella sala Convegni dell’Istituto Centrale di Formazione.

Il tema dell’incontro, è stato: “Strategie di infiltrazione-azioni di contrastanti” presso la sede dell’ICF (stabile del Tribunale minorile) viale Europa, 137 – Messina. Ai partecipanti, sono stati rilasciati crediti formativi, per avvocati, assistenti sociali e studenti universitari.

Il seminario di stamane, rientra tra le attività formative del progetto Legali si può, in partnership con: COP UniMe – Centro Orientamento e Placement, Legacoop Messina, Confcommercio – Imprese per l’Italia – Messina, Fondazione Padre Pino Puglisi, Cooperativa Sociale EcoS-Med, Istituto Centrale di Formazione – Dipartimento per la Giustizia Minorile di Messina, parrocchie di Camaro San Luigi e Gravitelli, Associazione Cameris.

“La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”, amava dire Giovanni Falcone.

All’iniziativa, hanno partecipato: Giuliana Grillo (Associazione Bios), Emanuele Crescenti (procuratore capo della Repubblica di Barcellona P.G.), Giacomo D’Amico (professore di Diritto Costituzionale), Ignazio Lembo (Fondazione Don Pino Puglisi), Marco Pandolfo, Gaetano Saffioti (vittima di mafia) e Nuccio Anselmo (giornalista-moderatore).

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO