Partinico (PA): lunedì 8 maggio, la rassegna “Libriamoci”

OSPITE DELL'EVENTO, LA GIORNALISTA ANGELA IANTOSCA

0
564

Nell’ambito della rassegna “Libriamoci”, un ciclo di incontri promossi dall’Associazione “La memoria nel cuore”, lunedì 8 maggio prossimo si terrà alle ore 18 all’Homi Contry Retreat di Partinico (PA), la presentazione del libro “Bambini a metà. I figli della ‘ndrangheta”, scritto dalla giornalista Angela Iantosca.

L’autrice, collabora con diverse testate. Ha pubblicato due saggi-inchiesta: Onora la madre. Storie di ‘ndrangheta al femminile (Rubbettino, 2013) ed il volume che sarà presentato nell’occasione accennata.

Quello del quale si discuterà, è un libro che tenta di ripercorrere (attraverso una fedele ricostruzione) i movimenti del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria. Da tale Istituzione infatti, proviene il materiale per poter ricostruire le diverse storie che vedono protagonisti diversi bambini.

Ecco, una descrizione, di questa importante opera: “della ‘ndrangheta, degli uomini e delle donne che ne fanno parte si sa molto di più rispetto al passato”.

Ma c’è una grande lacuna, ieri come oggi, e riguarda i figli. Bambini cresciuti in un clima di violenza, omertà e sopraffazione: “uno sfondo costante, un destino già stabilito, al quale difficilmente possono opporsi. Bambini che invece di giocare vanno a trovare il padre nascosto in un bunker, invece di sbucciarsi le ginocchia imparano a sparare”.

“Bambini che poi crescono e, a 14 anni, non corteggiano le amiche a scuola, ma vengono affiliati con il rito del battesimo per poter diventare futuri uomini d’onore. Ma come vivono da giovani mafiosi? C’è chi è affascinato dal potere, chi cresce convinto che sia la violenza l’arma giusta, e la padroneggia senza battere ciglio; ma c’è anche chi rinnega la scia di sangue che il proprio nome si porta dietro. Come aiutarli? È difficile entrare nei loro pensieri, comprenderne esigenze, intime necessità e desideri inespressi”.

Ma una domanda è d’obbligo: “se conoscessero un altro modo di crescere cosa accadrebbe? E cosa è accaduto a chi ci ha provato?”.

Il sodalizio associativo (i cui membri sono gli ideatori della manifestazione nel cui contesto parteciperà la Iantosca), è anche Ente organizzatore del famosissimo Premio “Piersanti Mattarella”, che nel 2016 ha visto in finale proprio il saggio della giornalista ospite nella cittadina della provincia palermitana.

Ad accompagnare la scrittrice laziale, ci saranno: Antonietta Greco Giannola (segretario generale dell’Onlus “La Memoria nel cuore”, e Rosalba Lunetto (psicologa, psicoterapeuta e vicepresidente dell’Associazione “Homi life”).

Al termine dell’incontro, è previsto un rinfresco.

Nel video che segue, una intervista realizzata da: “Scena Criminis a cura di Gianfrancesco Coppo”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO