Messina: condannato a 4 anni, per tentata concussione

SI TRATTA, DELL'EX PROCURATORE AGGIUNTO GIUSEPPE SICILIANO

0
304

La Sentenza è di quelle importanti, significative, soprattutto perchè ad essere sul banco degli imputati era un ex giudice. Per presunte pressioni, nella transazione da 26 milioni per la ristrutturazione di un hotel a Taormina, si è arrivati ad una condanna.

Il Tribunale di Reggio Calabria (competente ad indagare sui magistrati del Distretto giudiziario peloritano) infatti, ha condannato in primo grado a 4 anni l’ex procuratore aggiunto di Messina Giuseppe Siciliano, oggi in pensione. L’accusa per lui, era di induzione indebita e tentativo di concussione. L’ex magistrato, ha dovuto rispondere di sette capi di imputazione.

La vicenda riguardante l’induzione indebita è connessa al contenzioso tra Impregilo e Comune di Taormina. A parere dell’accusa, Siciliano avrebbe fatto nei confronti dell’allora commissario straordinario della perla dello jonio, affinché accondiscendesse alla transazione ammontante a 26 milioni di euro.

La tentata concussione invece, è da ricollegarsi alla ristrutturazione dell’hotel Castellamare di Taormina. In tale circostanza, malgrado fosse pendente un ricorso innanzi al Tar di Catania tra la srl Decisa e il Comune di Taormina, Siciliano aprì un procedimento per interferire nel corso degli eventi. Formalmente il patrocinio innanzi l’organo di giustizia amministrativa, era portato avanti dall’avvocato Maimone Ansaldo Patti, ma di fatto l’esercizio veniva agito dal figlio del magistrato.

Con esplicite minacce di perseguirlo penalmente, Siciliano, avrebbe fatto redigere da un ingegnere (che non si sarebbe potutto opporre al suo volere) nominato perito dal Tar, un elaborato che favorisse il Comune di Taormina. L’ex aggiunto della procura messinese, ha visto a suo favore l’assoluzione dall’accusa di concussione consumata ai danni dei funzionari di Palazzo Zanca e dei membri la commissione Valutazione di incidenza ambientale, per le vicende correlate ad i Molini Gazzi ed alle Zps.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO