Roma: a “La Vita in diretta”, la professoressa Cristina Verrocchio

SPECIALISTA IN PSICOLOGIA CLINICA

0
508

Ieri, a “La Vita in diretta” si è trattato il tema: “#Alienazioneparentale, come riconoscerla”.

In esclusiva per la trasmissione dell’ammiraglia delle reti Rai, l’intervista alla professoressa Cristina Verrocchio, specialista in psicologia clinica, andata in onda ieri nel corso del programma.

“I genitori che mettono i propri figli contro l’altro coniuge, stanno attuando un #maltrattamento psicologico. Questi genitori stanno usando e strumentalizzando le proprie creature”, queste alcune delle affermazioni della terapeuta.

La Verrocchio, continua sottolineando che: “magari a volte, dicendo anche io lo sto proteggendo dall’altro che è brutto e cattivo e pericoloso”.

Maria Cristina Verrocchio insegna Psicologia Clinica all’Università di Chieti, come psicologa è specializzata nello studio del trattamento dell’Alienazione genitoriale.

La professionista, prosegue evidenziando: “ci riferiamo con questo termine, a tutte quelle situazioni che insorgono principalmente nei casi di separazioni coniugali altamente conflittuali e nelle quali uno o più figli iniziano a manifestare: rabbia, ostilità, nei confronti di un genitore. Un genitore, con il quale avevano precedentemente una relazione positiva fino a non volerne più frequentare. Questo rifiuto, viene, in qualche modo condizionato da parte di un genitore che lo vuole mettere contro l’altro genitore”.

“A un certo punto il figlio, inizia ad avere un ruolo attivo nel rifiuto, è lui che non vuole più vedere il genitore. Dunque, questi genitori, stanno usando e strumentalizzando le proprie creature e quindi sicuramente incideranno negativamente sullo sviluppo dei propri figli”.

Una delle principali ragioni, invocate dai genitori che decidono di escludere l’ex compagno è di voler proteggere i propri figli. Ma è chiaro, che sostenere le ragioni di madri e padri allontanati non vuol dire difendere i genitori colpevoli di maltrattamenti e abusi sui minori.

La psicologa, termina affermando: “si parla di -Alienazione genitoriale-, solo ed esclusivamente quando il rifiuto del figlio è ingiustificato, ossia non è motivato da reali violenze o abusi che ha subito da questo genitore che sta rifiutando. Se prima della separazione, uno dei due genitori era violento, aggressivo e dopo la separazione il figlio non vuole più vedere questo genitore… questa non è -Alienazione genitoriale-“.

12 maggio – Cristina Verrocchio, Rai1

— #Alienazioneparentale e come riconoscerla —In esclusiva l'intervista alla professoressa Cristina Verrocchio, specialista in psicologia clinica, trasmessa pochi minuti fa nel corso del programma di #Rai1 La vita in diretta."I genitori che mettono i propri figli contro l'altro genitore stanno mettendo in atto un #maltrattamento psicologico.Questi genitori stanno usando e strumentalizzando le proprie creature".Tutti i diritti riservati Rai

Pubblicato da Centro Antiviolenza Bigenitoriale Onlus su Venerdì 12 maggio 2017

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO