Giardini Naxos (ME): nonostante il G7, la spiaggia di Recanati è sporca

LA TESTIMONIANZA, DELLA SIGNORA ANNA MARIA MESSINA

0
1042
recanati-spiaggia

Una residente di Giardini Naxos ci scrive:

“Mi piacerebbe manifestare che nonostante questa pubblicizzatissima manifestazione la situazione di Recanati è rimasta tale e quale.. .cioè i giornalisti e tutte le personalità intervenute , hanno visto il tratto di spiaggia tra Hilton e Ata Hotel ,da me precedentemente denunciato,come una discarica a cielo aperto….e una frazione Recanati abbandonata completamente……
Credo e sostengo che sia una vergogna….
L’amministrazione comunale è stata informata….via Pec e fax ….e diversi solleciti verbali, per non parlare della pubblicità mediatica senza riscontro alcuno.

Organizzare il G7 a Recanati …per me….una grossa sconfitta……si presenta un paese che non esiste… .tutto apparenza in paese…..invece di intervenire sull’estetica ….l’amministrazione avrebbe dovuto sfruttare le forze per risolvere il problema ….fogne….gestione del territorio…. sia in paese e sopratutto a Recanati.

Il Sindaco giustamente preoccupato per la manifestazione G7 di oggi…..non dovrebbe preoccuparsi solo di come la manifestazione riduca il suo paese…..
Ma ancor di più dovrebbe preoccuparsi del suo paese……pieno disservizi e stato di abbandono.

Giardini Naxos…..perla dello ionio…..prima colonia….greca…..!!!!!!
Risaniamo il paese rendendolo civile…..bonifichiamo le spiagge….le strade e diamo servizi ai turisti che pagano la tassa di soggiorno…..e inoltre suggerirei di cambiare la foto iniziale della pagine del comune di giardini Naxos con una foto reale dello stato delle spiagge di Recanati….ve ne mosto alcune di seguito….forse così saremo più onesti.

Questo è il mio sfogo da cittadino che ama la sua terrà ma che non giustificherà mai l’assenza di gestione e di presa in carico dell’amministrazione comunale di giardini Naxos nei confronti della gestione del territorio.
SIGNORI A NOME MIO VI PRESENTO ……RECANATI …OGGI….IN PIENO G7:…”

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO