Rosolini (SR): il caso di Salvatore Cottonaro, ucciso il 25 gennaio del 2006

A SPARARGLI, IL COGNATO CARMELO BASILE

0
2443

In questo video della trasmissione “Nero-dietro la notizia”, di “TELERADIOREGIONE”, a cura di Sonia Iacono, viene analizzata la storia dell’omicidio di Salvatore Cottonaro ucciso a Rosolini con sette colpi di pistola il 25 gennaio 2006 dal cognato Carmelo Basile.

La vicenda inizia in una tranquilla mattina, verso le 9 quando il silenzio della cittadina in provincia di Siracusa viene rotto dal fragore di fatti tanto eclatanti. I due cognati si incontrano per le vie del paese, di li un susseguirsi di attimi concitati che hanno portato alla morte del 53enne ristoratore.

Tra la vittima ed il suo parente, già in passato vi erano stati screzi, forse legati a questioni di eredità, i due avevano avuto in centro a Rosolini un acceso diverbio.

Elena Cottonaro (una delle figlie della vittima), dice: “io quella mattina aspettavo mio padre… facevamo colazione insieme, ho provato a chiamarlo ma il telefono era spento, quindi in un certo senso non capivo il perchè, mi sembrava già strano. Poi è venuta mia mamma, non capiva niente perchè non rispondeva neppure a lei, essendo spento il telefono non riusciva a rintracciare mio padre. Dopo è successo il caos, sono venute tante persone alla Stazione a capire se noi sapevamo oppure no”.

La sorella di Elena… Giulia, ricorda: “mi sono alzata, l’ho salutato (a mio padre), gli ho dato il bacio e me ne sono andata. L’ho lasciato, che lui si stava vestendo, mentre me ne stavo andando. Sono andata a Scuola e durante la ricreazione, la stessa era tutto in subbuglio, mi dicevano… mi chiedevano tutti “ma stai bene sai bene, sai qualcosa?”… e io gli rispondevo che non sapevo assolutamente niente”.

L’avvocato Giuseppe Lipera, nel corso dell’intervista sottolinea: “ma è stata una lite tra cognati, però la legittima difesa, era una tesi che sosteneva impropriamente l’indagato che poi è diventato imputato, perchè il Cottonaro era assolutamente disarmato. Il cognato, gli spara sette colpi di pistola, colpisce ad altezza d’uomo, non si ferma nemmeno quando la vittima cade per terra”.

L’omicidio di Salvatore Cottonaro

DALLA PARTE DELLE VITTIME: la storia dell’omicidio di Salvatore Cottonaro ucciso a Rosolini con sette colpi di pistola il 25 gennaio 2006 dal cognato Carmelo Basile

Pubblicato da Studio Legale Avv. Giuseppe Lipera – Catania Roma Milano su Martedì 9 maggio 2017

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO