Messina: Antonio Mazzeo, sulla megatendopoli per migranti nell’ex Caserma Bisconte

I LAVORI ALLA SISTEM COSTRUZIONI SRL DI MODENA

0
378

Antonio Mazzeo, noto giornalista, nonchè impegnato nel sociale, in una nota in proposito alla paventata creazione di un Hotspot in città, scrive: “non era stato per nulla accantonato il progetto di realizzazione di una megatendopoli all’interno del Centro di -prima accoglienza- per richiedenti asilo nell’ex caserma -Gasparro- di Bisconte Messina”.

“Dopo un lungo e tormentato iter della gara d’appalto (un primo annullamento del TAR di Catania per il ricorso di una società esclusa, la sua riammissione, un secondo affidamento poi annullato per l’offerta anomala della vincente-riammessa e la decisione ancora del TAR di Catania, a fine gennaio, che ha respinto il ricorso della società esclusa), la -fornitura e posa in opera, comprensiva di trasporto, installazione, montaggio, manutenzione e smontaggio finale per la realizzazione di una struttura temporanea costituita da tendostrutture e moduli prefabbricati, recinzioni e cancelli, pensiline, arredi e cartellonistica per l’accoglienza dei migranti presso il comprensorio Caserma Gasparro di Messina- dovrebbero iniziare a breve”.

“Secondo il bando di gara, il contraente dovrà assicurare la manutenzione degli impianti per almeno due anni; l’importo complessivo dell’appalto è pari a 1.932.000 euro più IVA, di cui 1.921.000 per le forniture e la posa in opera e il resto per coprire gli oneri per la sicurezza”.

“Salvo imprevisti dell’ultima ora ad aggiudicarsi e avviare le opere sarò la Sistem Costruzioni Srl di Solignano di Castelvetro, in provincia di Modena, società molto attiva nella ricostruzione di villaggi e prefabbricati nelle regioni Abruzzo ed Emilia Romagna colpite da recenti eventi sismici. La Sistem Costruzioni ha pure realizzato diverse infrastrutture e padiglioni in EXPO 2015 e ha costruito e gestisce il Maranello Village, il complesso residenziale collegato a Ferrari Auto spa composto da bar, ristoranti, palestra e diverse zone polifunzionali”.

“L’azienda ha anche una sede periferica a La Habana (Cuba) ed è molto attiva nei mercati mediorientali (Iran, ecc.). Manager e co-titolare di Sistem Costruzioni è il noto imprenditore di Sassuolo, Emanuele Orsini, a capo di un’holding che controlla 12 società, neopresidente di FederlegnoArredo, la federazione parte di Confindustria che si occupa di arredi, ecc., nonché vicepresidente di Unicredit Leasing, una delle più importanti banche europee. Il Ministero dell’Interno ha prescelto Invitalia S.p.A., l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia, quale centrale di committenza per la gara, responsabile unico del procedimento l’avvocato Cristiano Galeazzi”.

“Invitalia S.p.A. (presieduta da Claudio Tesauro, contestualmente presidente di Save the Children Italia Onlus e già membro del consiglio di amministrazione di TNT Post Italia S.p.A. e sino al 2013 del board di Save the Children International) aveva sottoscritto in precedenza con il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Viminale una specifica convenzione con l’obiettivo di -fornire il supporto per migliorare il sistema delle strutture per l’accoglienza e il soccorso dei migranti-“.

“Al TAR di Catania, le ragioni di Invitalia Spa relativamente all’iter espletativo della gara per la tendopoli di Bisconte sono state rappresentate dal noto avvocato messinese Fabio Cintioli, dal 2007 professore ordinario di diritto amministrativo presso la LUSPIO di Roma e dal 2012 insegnante presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione. Dal 1° dicembre 2016 il centro di Bisconte e la tendopoli dell’Annunziata vedono come ente gestore le cooperative Senis Hospes di Senise (Potenza) e Domus Caritatis di Roma, rappresentate dall’imprenditore della ristorazione collettiva Benedetto -Benny- Bonaffini”.

“Senis Hospes e Domus Caritatis hanno presentato un’offerta economica con un ribasso del 10,7% (26,79 euro per migrante) e un’offerta tecnica di 53,4 punti su 60. Le due -coop- vicine a Comunione e Liberazione gestiscono congiuntamente anche il tristemente noto Centro-Hotspot di Pozzallo (Ragusa)”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO