Normanno.com: anche il direttore responsabile (Patrizia Vita), saluta il giornale on line

"MA NORMANNO NON SI FERMA, CAMBIA SOLO IL TIMONIERE"

0
305

Il direttore responsabile (Patrizia Vita) del primo quotidiano on line cittadino in una lettera scrive: “si conclude oggi la mia esperienza di direttore di Normanno.com, per la seconda volta nei 16 anni dalla sua nascita”.

Primo giornale on line a Messina, fui chiamato a dirigerlo da chi ebbe sentore che il mondo dell’informazione stava subendo una svolta epocale: “Silvano Arbuse. Normanno fu il primo ad offrire in questa nostra città l’informazione ad ampio raggio, il primo ad -educare- il messinese a conoscere fatti ed eventi in tempo reale sul web”.

“Al tempo non erano in molti a credere nella sua possibilità di successo, ed io stessa, che l’ho diretto, una prima volta, fino all’aprile del 2009 (ci sono tornata nel 2012), ho tutt’oggi presenti quali e quante siano state le difficoltà incontrate, così come ho presente il giornale attivo, apprezzato per la correttezza e la puntualità dell’informazione che lascio oggi, e che sono certa proseguirà questo percorso sotto una nuova direzione”.

“Dirigere Normanno è stata un’esperienza che mi ha dato molto, perchè ricca di risultati e soddisfazioni. Adesso seguo chi mi ha accompagnato in questo ultimo percorso, Andrea Castorina, Marika Micalizzi e Antonio Macaudda, che con me hanno collaborato a creare e consolidare i risultati di questa testata -pioniera-. Ragazzi, vi ringrazio di vero cuore per il vostro impegno e la vostra professionalità. Senza di voi non ce l’avrei fatta sin qui”.

“Ringrazio anche le molte migliaia di lettori che hanno seguito in tutti questi anni il -mio- giornale. In loro, nei loro commenti, apprezzamenti, persino le critiche, spesso ho trovato la forza di andare avanti. Ma Normanno non si ferma, cambia solo -il timoniere-.

“A chi proseguirà il percorso di questo giornale, così come agli editori, che mi hanno sempre consentito la più completa libertà di espressione, i migliori auguri di buon lavoro”.

NESSUN COMMENTO

COMMENTA L'ARTICOLO